3566 visitatori in 24 ore
 343 visitatori online adesso





destionegiorno
Stampa il tuo libro



Per me la scrittura è importante quanto l'aria che respiro...

Sergio Melchiorre

Ho sempre amato il cinema. Sono nato con la televisione, almeno dal punto di vista cronologico-temporale, anche se ho passato la maggior parte della mia infanzia senza televisore in casa. La mia passione è stata la «settima arte», mi sono sempre nutrito di celluloide e sono cresciuto nel mito dei ... (continua)


La sua poesia preferita:
Eri vestita di luce
Sei la linea d'ombra
dei ricordi più soavi
della mia vita.

Sei il profilo di una malinconia
che vibra come una foglia morta
sbattuta dal vento,
nell'angolo di una strada
senza uscita.

Sei la scia di luce
che trafigge l'effigie
dei...  leggi...

Nell'albo d'oro:
Sconfinato amore
Sei alba cristallina,
sei tramonto sul mare...

Sei un raggio di sole
che riflette il suo splendore
sulla limpida acqua di
un torrente di...  leggi...

L’uncinetto d’avorio
Vorrei diventare invisibile
come il vento che scompigliava
i tuoi lunghi capelli bianchi.

Vorrei diventare immortale
come le minuscole rughe
scolpite sul tuo viso sofferto.

Vorrei diventare sublime
come l’aria che accarezzava
la tua pelle...  leggi...

Ti amo alla follia
Sei come il mustang indomabile
che rifiuta d’essere imbrigliato.

Sei libera come il vento
che accarezza i fiori dei cactus.

Sei come il candore di un campo
che aspetta la luce del giorno
per esibire i suoi germogli.

Sei l’eco di una...  leggi...

Sei bella come il sole
LA TUA PELLE VELLUTATA
CHE PROFUMA DI LIBERTÀ
RIESCE A SPEZZARE LE CATENE
DELLE MIE INIBIZIONI.

TI AMO DA MORIRE
PERCHÉ SEI SPUMEGGIANTE
COME LO CHAMPAGNE CHE SORSEGGIO
NELLE TUE SCARPE A SPILLO.

SEI BELLA COME IL SOLE
E NON MI...  leggi...

Ti amerò per sempre
Ti ricordi
quando eravamo
come foglie nel vento
e la pazzia scorreva
nelle nostre vene?

Il sole splendente
di mille estati
illuminava di gioia
la nostra vita.

Rimarrai per sempre
la follia d’amore,
il vento che buca le nuvole,
il richiamo...  leggi...

Desiderio d'amore
Ho la sensazione
di camminare sull’acqua
quando ti guardo
negli occhi.

Il cielo
attonito testimone del mio amore
si appropria del mio stato d’animo
e lo trasforma in un volo d’angelo.

Ho la sensazione
di spiccare il volo
quando sento il...  leggi...

Ho sussurrato al vento
Ho sussurrato
il tuo nome al vento.

Lo ha cantato alle foglie
degli alberi secolari
e lo ha disegnato
nel cielo infinito.

Gli ho confidato
la mia tristezza
per la tua partenza,
per il tuo silenzio assordante
che mi ha sconvolto la...  leggi...

Pianto poetico
Lasciami rivivere il ricordo
del soffio di vento che scompigliava
i tuoi lunghi capelli bianchi.

Lasciami entrare nelle stanze segrete
dove si posavano i tuoi pensieri.

Voglio carpire il segreto
del tuo immenso amore.

Davanti al mistero del...  leggi...

Ti ricorderò per sempre
Oggi, papà,
avresti compiuto cento anni
se il respiro del vento
non avesse spezzato
prematuramente
lo stelo della tua esistenza.

Ti ricorderò per sempre
anche se il tuo silenzio
ha seppellito il mio dolore
sotto il manto...  leggi...

Ritorno al paese natio
Ritorno al paese natio.
Loculo...  leggi...

Occhi cileni
Ho tessuto una tela
di ragno
nei tuoi occhi
per farti sorridere.

Ma il tuo sguardo
triste
si è perso nelle...  leggi...

L'ultimo abbraccio
Il vento accarezza le foglie
di una quercia secolare e
assiste turbato all'addio dei due amanti
che si abbracciano furtivamente,
con nel cuore una triste melodia d'amore.

Le loro ombre si proiettano sull'acciottolato,
all'angolo di un...  leggi...

Non cercarmi
Quando ti sveglierai
non cercarmi.
Sarò lontano,
oltre il confine che
di notte avrò oltrepassato
come un ladro.

Sarò nascosto
dietro gli alberi fioriti
della nostra valle.

Quando ti sveglierai
non cercarmi.

Mi...  leggi...

Il polmone d'acciaio
Sono nato in cattività
nell'aria viziata
di una miniera belga,
con i fiori che fanno i turni
ed i topi morti
che denunciano in silenzio
il veleno del carbone.

Sordomuto, inchiodato
alla croce
con lo sputo del più forte
a...  leggi...

Sergio Melchiorre

Sergio Melchiorre
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
Eri vestita di luce (08/05/2010)

La prima poesia pubblicata:
 
Il polmone d'acciaio (20/06/2009)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Che la terra ti sia lieve (03/12/2020)

Sergio Melchiorre vi propone:
 L'ultimo abbraccio (16/06/2010)
 Ritorno al paese natio (06/07/2009)
 Eri vestita di luce (08/05/2010)

La poesia più letta:
 
L'ultimo abbraccio (16/06/2010, 27130 letture)

Sergio Melchiorre ha 15 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Sergio Melchiorre!

Leggi i 1296 commenti di Sergio Melchiorre


Leggi i racconti di Sergio Melchiorre


Autore del giorno
 il giorno 09/03/2020
 il giorno 09/03/2020
 il giorno 15/09/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019

Seguici su:



Cerca la poesia:



Sergio Melchiorre in rete:
Invia un messaggio privato a Sergio Melchiorre.


Sergio Melchiorre pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

Volpe argentata

Biografie e Diari

L’ uomo dai capelli argentati ritornò ad Amardolce, durante il boom economico, dopo aver passato molti anni della sua vita a Los Angeles.

Era partito per gli Stati- Uniti subito dopo la Seconda Guerra Mondiale per cercare fortuna oltreoceano ma, a causa di una serie di disavventure economiche e amorose, era stato costretto a tornare al suo paese natio.

Era pressoché uno sconosciuto per quasi tutti gli abitanti del paese che lo chiamavano «Volpe argentata».

Soltanto le persone più anziane lo ricordavano vagamente perché sua madre, rimasta vedova molto giovane, aveva venduto un terreno edificabile al centro del paese per pagargli il biglietto di sola andata per l’ America.

Era letteralmente svanito dalla memoria degli amardolcesi fino a quando non riapparve misteriosamente al paese, in un giorno particolarmente nuvoloso, scendendo dalla corriera delle otto con una valigia di cartone e un bastone di legno lavorato a mano che non abbandonava mai.

S’ installò nell’ unica pensione di Amardolce, dove rimase per quasi un mese, poi non avendo più denaro per pagare la pigione, si sistemò provvisoriamente dietro la « Fontana Monumentale», dormendo in un sacco a pelo, in mezzo alle foglie morte e all’ odore nauseabondo dell’ urina riversata dagli avvinazzati durante la notte.

Il sindaco, preoccupato più dalla data delle prossime elezioni comunali che dalle lamentele mossegli dagli abitanti del paese, gli assegnò d’ ufficio una casa popolare, senza peraltro convocare neanche la giunta per trovare una sistemazione al forestiero.

Dopo essersi sistemato nel nuovo alloggio, «Volpe argentata» passava la maggior parte del suo tempo, seduto su una panchina di ferro battuto, a scrutare la Majella.

Nessuno gli si avvicinava perché, a dire il vero, il suo corpo emanava un odore sgradevole, forse dovuto alla scarsa igiene, che allontanava chiunque cercasse di istaurare con lui un qualsiasi contatto umano.

Indossava sempre gli stessi abiti, durante tutti i giorni dell’ anno. Un cappotto finto cashmere, che appoggiava sulla panchina durante l’ estate, un’ orribile camicia a quadretti, un paio di pantaloni neri e un paio di scarpe sfondate.

L’ inseparabile bastone era sempre a portata di mano e lo portava con sé anche quando si spostava per andare a bere alla fontana.

La panchina, diventata ormai la sua dimora diurna, s’ impregnò anch’ essa dell’ odore tipico, come dicevano le malelingue, delle volpi argentate e che tale fetore era un eccellente meccanismo naturale di difesa contro i predatori più grandi. I cittadini più colti parlavano addirittura di un odore chiamato skunky che scoraggiava anche gli esseri umani ad avvicinarsi alle loro tane.

La solitudine divenne la colonna sonora della sua esistenza.

Soltanto una volta, la sera prima delle elezioni comunali, il messo comunale si avvicinò alla nauseabonda panchina e gli scaraventò addosso il fac- simile di una scheda elettorale, con la stessa noncuranza del cacciatore di frodo che getta un osso al suo cane spelacchiato.

Durante la brutta stagione, quando la neve ricopriva di bianco il giardino, «Volpe argentata» camminava attorno alla « Fontana Monumentale», a forma di conchiglia, bestemmiando tutti i santi del paradiso, a uno a uno, in ordine alfabetico.

Poi, quando giungeva il tramonto e il sole svaniva dietro la Majella, s’ incamminava verso casa con un passo lento.

Fu durante il mese di febbraio, il più freddo in assoluto ad Amardolce, che «Volpe argentata» fece amicizia con un cane randagio che lo seguiva come un’ ombra.

La sua panchina rimaneva vuota, anche quando era assente, perfino durante le giornate estive, perché la gente diceva, tra l’ altro, che portasse sfortuna.

All’ alba di un giorno d’ inverno, gli operatori ecologici pagati dal comune per spalare la neve, li ritrovarono morti assiderati insieme, l’ uno abbracciato all’ altro, come in un vecchio film strappalacrime americano in bianco e nero.

Il cadavere di «Volpe argentata», ricoperto da un lenzuolo bianco, fu lasciato per tutta la giornata in mezzo alla neve, in attesa del magistrato, e la salma del cane fu gettata su un cumulo di neve dove rimase fino alla primavera.

Fu allora che il sindaco di Amardolce, forse impietosito dal suo drammatico decesso, che fece inorridire i benpensanti del paese, fece un’ indagine presso le autorità competenti per scoprire qualcosa di più sulla vita di « Volpe argentata».

Il sindaco di Amardolce ricevette dall’ addetto culturale dell’ ambasciata italiana di Los Angeles il seguente fax:

Mario Paolino, nato ad Amardolce

in provincia di Chieti (Italia)

il 3 marzo 1924 e residente a Los Angeles all’ indirizzo:
8701 Beverly Blvd, West Hollywood, 90048- 1803,
ha svolto l’ attività di custode, presso

il « Los Angeles County Museum of Art».
Il 15 agosto 1950 è stato arrestato perché accusato d’ aver compiuto una rapina a mano armata durante la quale fu ucciso un uomo di colore.
Dopo il processo durato sei mesi, il detenuto Mario Paolino fu condannato a morte e rimase nel braccio della morte, in un carcere di Los Angeles, fino al 29 gennaio 1953 quando il giudice federale Daniel Murphy sancì l’ esecuzione capitale tramite sedia elettrica.
Fu condotto pertanto sulla sedia elettrica per ben due volte, ma per motivi inspiegabili, o forse soltanto per un guasto tecnico provvidenziale, non morì nonostante l’ elettricista agli ordini del boia gli immettesse la corrente per la durata di due minuti e diciotto secondi variando il voltaggio da 500 a 200 volt.
La notizia fece scalpore in America, soprattutto nella comunità italiana e così il giudice Daniel Murphy, credente fervente e superstizioso, decise di fargli scontare il resto della pena in prigione.
Il 24 dicembre 1959, fu arrestato un uomo legato alla mafia che si autoaccusò dell’ omicidio

affibbiato a Mario Paolino.
Fu scarcerato il 17 gennaio 1960 e, dopo aver svolto i più disparati lavori negli U. S. A., ritornò in Italia nel 1961.
Dal 1961 non si hanno più notizie di Mario Paolino.

Mario Paolino, alias «Volpe argentata», che era sfuggito miracolosamente alla corrente della sedia elettrica per due volte, accusato di un omicidio che non aveva commesso, tornò nel suo paese natio dove morì in compagnia del suo fedele cane su una fredda panchina di Amardolce.

Nel 1968 la giunta comunale del ridente paese abruzzese gli intitolò una strada alla memoria.

**********

Il 18 ottobre 2020, al XXXI Edizione del Premio Letterario Nazionale « Città di Pinerolo» (Torino), con il Patrocinio dell’ Assessorato alla Cultura e dell’ ANPI, il racconto ha ottenuto il Premio Speciale della Giuria, con la seguente motivazione: « Si tratta di un racconto incentrato sulla figura di un emigrato di ritorno, fenomeno per certi versi comune in una regione segnata fortemente dall’ emigrazione come l’ Abruzzo. La stranezza consiste nel fatto che costui, cioè il protagonista, definito poi Volpe bianca, finisce per fare la vita da barbone. L’ autore usa un linguaggio scorrevole, a tratti anche rude ed ironico, quando descrive le sue manie comportamentali o le reazioni degli abitanti. È una storia che si consuma tra l sponde di due continenti e che trova il suo epilogo triste tra l’ indifferenza dei concittadini da una parte e la solitudine del povero cristo dall’ altra, il quale sfoga i suoi lamenti sotto lo sguardo muto delle sue austere montagne. Un personaggio certamente insolito, che rimane abbottonato al suo segreto, svelato solo la sua scomparsa. L’ abilità dell’ autore sta nel rimarcare l’ insensibilità della gente, la chiusura verso lo straniero, il rifiuto della solidarietà, il pregiudizio: disvalori che tra l’ altro solitamente non si colgono nell’ animo degli abruzzesi.

Nell’ evidenziare tutto ciò il racconto entra nel vivo della tematica dell’ ANPI sul tema del razzismo. La Giuria, pertanto, decide di premiare il suddetto testo come miglior racconto».




Sergio Melchiorre 14/12/2011 20:44 1406

Creative Commons LicenseQuesto racconto è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

SuccessivaPrecedente
Successiva di Sergio MelchiorrePrecedente di Sergio Melchiorre

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Vedi i racconti di Sergio Melchiorre:
nella categoria:
dell'anno:












Pubblicate i vostri lavori in un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici?
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione

Racconti

Amore
Il cielo di Gessopalena
La donna senza passato
Romualdo, l’angelo ribelle
Il bacio
Il silenzio di mio padre
Minervina, una donna d’altri tempi
Mia madre
Khanysha, la figlia del vento
Lettera d’amore
La vedova bianca
La storia di Mara
La suora di clausura
Azione e Guerra
Peppone, il maiale
Cantare aiuta a non dimenticare
Aleksander Pesterley, detto «Shura»
Il Maggiore Lionel Wigram
Il cacciatore di mosche
Testardo come un mulo
La gelosia di Giulio
Leonardo, l'ultimo dei partigiani
Biografie e Diari
Il latte miracoloso di Annina «la taliana»
Gessopalena per sempre
L’ingiusta violenza
Il Partigiano di Gessopalena
La libertà dei gatti
La sedia di Francesco
L’idea geniale di Francesco
Anche gli asini vanno in paradiso
Rosso antico
La pazza di Amardolce
La stella che danza
Volpe argentata
Mio padre, uomo taciturno ed introverso
Cara maestra
Gina non ha più lacrime per piangere
Dramma
La strage di Sant’Agata
La ragazza ribelle
Il ragazzo del “99
A mia madre
Te ne sei andato in punta di piedi
Erotismo e per adulti
La moglie del sindaco
La verità nascosta
Prostituta non professionista
Il fondoschiena da favola
La cubana
Il prete
Il culetto a mandolino
Il doppio tradimento
La quinta misura di seno
L’amante di turno
La coppia mal assortita
La moglie infedele
Il voyeur
La storia inenarrabile di Maurizio Zèffiro
La cubista di Lugano
Kiara, the girl next door
Lo stupro di gruppo
La figlia della madonna
La stanza del peccato
Una notte Benedetta
Un incontro al buio
Travolgente passione
Amore perverso
"Bocca di rosa"
“Tanta voglia di lei”
Il lato B da favola
La strana proposta
Le signorine della colonia
La spogliarellista
Bella come una madonna
Padre- padrone
Il Segreto di Giovanna
La vera storia della Zingara che tagliò il pene al marito bigamo
L'adultera
Bella di notte
Mi manda Natale...
Il giovanotto di primo pelo
Horror
Maschere di celluloide
Nosferatu il vampiro
Il gabinetto del dottor Caligari
Sociale e Cronaca
Ecco l’impero dei sensi
Il postino
Occhio indiscreto
La città della gioia
Cattiva maestra
Carolina la gattara
La cascina rossa
L'extracomunitario
La fotografia oggi
Il Generalissimo
Il cinema ieri e oggi
Jean- Pierre- le- clochard
Il cappello di Panama
I falsi idoli
Il pittatore
La ragazza di Lilla
L'uomo che sussurrava ai cipressi
La donna misteriosa
Mille miglia
Lo straniero
La censura di stato
Professione sceneggiatore
Il cinema è morto?
Il maccartismo cinematografico
Spiritualità
Il miracolo
La bandiera rossa
Il Testimone di Geova
Giovanni il «belgese»

Poesie



Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2020 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it